Come collegare un ripetitore wifi

Nonostante questa possa sembrare una domanda banale, sono ancora tantissime le persone che non hanno chiaro il funzionamento di un repeater wifi. In questo articolo vi spiegheremo come migliorare la rete wifi di casa utilizzando dei wifi extender.

Molto spesso sentiamo dire "manca la connessione" anche quando la linea adsl o vdsl e fibra di casa funziona correttamente. Questo accade perché la connessione che viene a mancare è proprio quella tra il pc o smartphone verso il router.

Inoltre e non meno importante, la rete wireless deve essere proporzionata al tipo di connettività che abbiamo: a poco servirebbe un repeater wifi di tipo 802.11b/g/n se la mia connessione è da 1Gbit, in quanto la velocità risulterebbe strozzata proprio dalla rete wifi.

Ma andiamo ad analizzare quali possono essere i problemi che causano una mancanza di segnale wifi in ambito domestico e ufficio.

Questo problema può essere causato da vari fattori:

  • pareti troppo spesse
  • casa troppo grande
  • antenne del router poco potenti e con una scarsa copertura
  • interferenze derivate da reti wifi vicine o dispositivi wireless

Per ognuno di questi problemi esistono soluzioni più o meno economiche.

Se vivete in un condominio avrete sicuramente notato un elenco di reti wifi molto esteso.

Le reti wireless sfruttano la frequenza 2.4GHz e, solo da qualche anno a questa parte, anche la 5GHz .

Mentre l'antenna a 5Ghz vanta una scelta di canali molto ampia, la wifi 2.4GHz consente di spaziare al massimo tra 13 canali (alcuni router arrivano a 14 ma i dispositivi non sempre le rilevano).

Comprendete subito che è facile trovarsi sovrapposti alla wi-fi di qualche altro utente vicino a voi. Questa sovrapposizione genera un andamento altalenante della vostra rete wifi.

Una strategia può essere quella di utilizzare programmi gratuiti come Analizzatore Wifi, in grado di mostrarvi quali canali sono occupati e quali sono liberi in modo da poter impostare il canale manualmente sul vostro router, dato che quasi sempre l'impostazione è su AUTO.

Un'altra soluzione può essere quella di installare una chiavetta USB WIFI a 5GHz sul pc o notebook per modernizzare la connessione del vostro pc e consentirgli quindi di collegarsi ad una rete con minori interferenze.

Vi consigliamo questa antenna wifi usb della TP-Link: Archer T2U

Attenzione però: la rete wifi 5GHz è più performante ma ha una portata inferiore, per cui va meno lontano e se la vostra casa è molto grande o ha pareti troppo spesse sarà necessario amplificare la rete wifi.

Un'altra soluzione può essere quella di utilizzare un access-point da installare in cascata al vostro router originale o da posizionare in un punto raggiunto via cavo LAN della casa. Questo genererà una nuova rete wireless con una portata sicuramente superiore a quella integrata nei router tradizionali montati dagli operatori telefonici.

Alcuni esempi in ordine di prezzo:

  • TP-Link Archer C50 (un tradizionale access-point dual band economico ma funzionale)
  • Netgear WAC104-100PES (consente la configurazione di rete ospiti personalizzate e molte altre impostazioni meno comuni)
  • TP-Link Touch P5 (adatto a gaming e streaming ad alta definizione con bassissima latenza)

Questi sono solo alcuni access point disponibili, e seppur esistano modelli da 19,90 euro, vi sconsigliamo di utilizzarli, ed ecco il perché:

  • gli access point economici spesso hanno una connessiona LAN limitata a 10/100Mbit contro i Gigabit dei modelli di fascia superiore
  • il wi-fi degli access point economici non è dual band, impedendovi di utlizzare la nuova banda da 5GHz
  • la rete wireless degli access-point low cost hanno una portata inferiore ai modelli più costosi

Una valida alternativa agli access point sono i REPEATER WIFI.

A differenza degli access point i repeater wireless fanno semplicemente da ponte, rigenerando il segnale wi-fi in modo da propagarlo in tutta la casa.

Tuttavia per funzionare correttamente occorre prendere qualche accorgimento tutt'altro che scontato.

Molti pensano che sia sufficiente mettere un repeater wifi di fianco al pc per avere una copertura ottimale.

Questa è una falsa illusione: infatti il vostro pc o smartphone rileverà un segnale al 100% essendo molto vicino al repeater, tuttavia la vostra velocità su internet risulterà molto lenta.

Perché? Semplice: i repeater come suggerisce il nome, ripetono ciò che ricevono, motivo per cui se nella vostra stanza arriva un segnale scarso, avrete semplicemente un repeater che genera a tutta potenza, un segnale scarso.

Come si utilizza un repeater wifi?

Per non incappare in questo inconveniente vi sarà sufficiente spostare il repeater a metà strada tra voi e il router, in un punto in cui il segnale è ancora molto alto, ottenendo di fatto un effetto ponte che vi consentirà di avere un segnale sufficiente a sfruttare al massimo la velocità della vostra adsl.

Ecco uno dei migliori repeater wifi che abbiamo provato: AVM FRITZ! WLAN Repeater 1750E (molto semplice da configurare e con una portata davvero eccezionale: con 4 di questi abbiamo coperto un'intera villa su 2 piani + piano interrato senza difficoltà.

Se però non avete la possibilità di installare i repeater wifi a metà strada, la soluzione definitiva per amplificare la rete wi-fi a casa è questo kit della TP-Link dotato di Powerline + 2 Repeater Wifi

TP-Link TL-WPA4220T

Questo interessante kit di TP-Link sfrutta doppia tecnologia del Powerline e del Wi-Fi combinandole per ottenere il massimo delle prestazioni anche lontani dal router.

 

Ecco i pochi passaggi necessari per configurare il repeater wifi powerline TP-Link TL-WPA4220T:

  1. Vi basterà posizionare il dispositivo principale vicino al router e collegarlo via cavo LAN.
  2. Successivamente posizionate i repeater wifi in una presa elettrica dell'impianto anche distante dal principale, questi comunicheranno attraverso l'impianto elettrico attraverso la tecnologia Powerline.
  3. I Repeater diffonderanno ora il segnale alla massima portata così come ricevuto attraverso l'impianto elettrico.

Le sue prestazioni sono eccezionali, i repeater sono dual band e sono molto resistenti alle interferenze. Inoltre i repeater sono dotati di 2 porte LAN per collegare via cavo fino a 2 dispositivi, che sfrutteranno quindi al massimo la potenza del segnale arrivato tramite la tecnologia powerline.

Unico neo: la tecnologia Powerline è soggetta alla qualità dell'impianto elettrico, alla presenza di magnetotermici, potenziometri, ciabatte elettriche e tutto ciò che può comportare interruzioni o sbalzi della corrente. Noi l'abbiamo testato in un condominio in un appartamento al 3° piano per portare il wifi in garage, e nonostante la presenza di 2 magnetotermici abbiamo ottenuto il 40% de segnale originale.

CONCLUSIONI

Attraverso questa analisi speriamo di avervi aiutato a scegliere la soluzione migliore per aumentare il segnale wifi di casa o dell'ufficio senza spendere troppo. Ognuna delle soluzioni proposte ha dei pro e dei contro ma allo stesso tempo si adatta a quelle che possono essere le diverse esigenze di ogni utente.

Se avete dubbi in merito non esitate a contattarci!

Qui di seguito vi lasciamo alcuni link relativi ai prodotti citati nell'articolo in modo che possiate vedere il loro costo aggiornato in tempo reale.