TOMMI un gioco per far accettare la terapia anti cancro nei bambini

Quando si è costretti per motivi di salute a passare diversi giorni ricoverati in ospedale il morale è a terra; immaginatevi come possa sentirsi un bambino che vorrebbe soltanto giocare, divertirsi e correre all'aperto che invece si trova nella situazione di dover passare diverse giornate chiuso nella stanza di un ospedale, magari con contatti limitati con altre persone a causa di malattie infettive.

Con lo scopo di dare sollievo e far allontanare con la fantasia i piccoli pazienti dai loro problemi di salute e dalla troppa noia, è stato creato TOMMI.

L'obiettivo dei creatori di TOMMI è quello di migliorare l'esperienza della terapia da parte dei bambini ed alleviare il loro stress e la loro percezione di dolore e negatività.

TOMMI è stato uno dei progetti che maggiormente ci ha colpito tra tutti quelli che abbiamo visto durante il Maker Faire 2018 di Roma, e per questo abbiamo avuto la fortuna di poter intervistare Gianfranco Damato, della Softcare Studios Srls, uno degli ideatori e sviluppatori di TOMMI.

TOMMI è un videogioco in realtà virtuale specificamente studiato per bambini costretti a stare per lunghi periodi in ospedale e/o essere sottoposti a pesanti terapie per combattere la loro malattia. 

La prima cosa che ci spiegano gli ideatori di TOMMI sul proprio sito internet è che ogni anno soltanto tra USA e Europa ci sono circa 45 milioni di nuovi pazienti pediatrici, di cui 300.000 sono affetti da cancro. Circa l'80% di questi bambini deve essere sedato o trattato con antidolorifici per subire la terapia curativa. Questo trattamento è necessario per i bambini che si sottopongono alla terapia perché loro sono spesso spaventati dai test medici e li rifiutano, ritardando e diminuendo l'efficacia della terapia.

TOMMI è progettato per migliorare l'esperienza della terapia dei piccoli pazienti, coinvolgendo i sensi dei bambini sul gioco e focalizzando la loro attenzione fuori dai loro sentimenti negativi, coinvolgendo anche i loro genitori per offrire loro un ruolo più attivo durante la terapia.
Inoltre la Softcare Studios Srls ha progettato TOMMI per testare le abilità psicomotorie dei bambini utilizzando l'intelligenza artificiale per raccogliere e analizzare dati relativi alla terapia; questi dati si sono rivelati molto utili per monitorare le prestazioni dei pazienti nel tempo da parte del personale medico.

I ricercatori di Softcare Studios Srls stanno introducendo la realtà virtuale negli ospedali per supportare i pazienti a partire dalla loro mente e dalle loro emozioni, per aumentare l'accettazione della terapia e migliorarne l'efficacia. I primi test di TOMMI in tutto il mondo stanno ottenendo risultati molto positivi sugli effetti terapeutici della VR nella gestione del dolore e la riduzione dello stress sui bambini; inoltre i medici che lo hanno provato sul campo stanno riscontrando che l'impiego di TOMMI li aiuta nella raccolta e nell'analisi di dati sull'efficacia della terapia nei bambini e che ha portato effetti positivi sul paziente sia in termini di miglioramento del morale che di risposta alla terapia.

gioco in realtà virtuale per bambini durante chemioterapia

Chiunque abbia avuto esperienze con l'assistenza a bambini che abbiano dovuto passare lungo tempo in ospedale o che abbia dovuto subire terapie pesanti sa cosa sia per un bambino la vita in ospedale. TOMMI offre loro l'opportunità di "distrarsi" da tutto ciò che gli sta accadendo intorno e di potersi proiettare fuori dalla loro stanza ospedaliera, in una realtà virtuale che gli offra un ambiente più giocoso e sereno, dove non avrà a che fare con tubicini ed aghi ma con personaggi simpatici e situazioni divertenti. Personalmente ritengo che TOMMI sia un progetto di altissimo livello, sia sul piano tecnologico che soprattutto sul piano umano, i ragazzi di Softcare Studios Srls hanno realizzato un ottimo lavoro e devono andare orgogliosi di quanto hanno fatto. 

Ci auguriamo che presto TOMMI entri in pianta stabile in tutte le realtà ospedaliere pediatriche perché sicuramente porterebbe grandi benefici non solo ai piccoli pazienti, ma allevierebbe lo stress anche ai loro genitori e aiuterebbe nel lavoro anche il personale medico.

Se siete interessati ad avere maggiori informazioni su TOMMI o volete mettervi in contatto con gli sviluppatori della Softcare Studios Srls, vi invitiamo a visitare il loro sito web ufficiale