Hashtag, post, live su Youtube, dirette su Facebook, storie di instagram, Instagram TV.

Tutto, sempre, senza sosta, così come milioni di utenti nello stesso istante. Tutto ciò mi ricorda tanto i gabbiani di "Alla ricerca di Nemo", intenti a ripetere una operazione senza badare a ciò che accade intorno...

Vi ricordate quella famosa frase che chi si occupa di SEO sente tanto nominare?

"Come indicizzare un sito web?"

Difficilmente troverete un seo onesto che vi dirà:"semplice, compriamo delle parole chiave, tante, TUTTE!".

All'origine di ogni contenuto o prodotto che abbiamo creato e che andremo a creare infatti ci sarà sempre un solito punto cruciale:

  • come fare a raggiungere i nostri clienti?
  • come far conoscere il nostro canale?
  • come aumentare i followers su instagram?

Purtroppo però facciamo molti errori durante la fase di propaganda del nostro prodotto o contenuto, puntando spesso alla quantità anziché alla qualità.

Per quanto possa sembrare scontato, sul web la qualità premia, sempre.

Non c'è modo migliore di attirare pubblico che offrendo un buon contenuto, un buon prodotto.

D'altra parte con un sapore di me*da la Coca Cola non avrebbe venduto assolutamente nulla!

Ok, ok, la RedBull c'è riuscita, ma quella è un'altra storia.

Vi starete però chiedendo: a cosa serve fare dei buoni contenuti se non abbiamo nessuno che li guarda?

Questa domanda è un po' come "è nato prima l'uovo o la gallina?"

Tralasciando il fatto che ovviamente è nato prima l'uovo (ma non mi sembra questo il luogo adatto per discutere della genesi), la conferma è che per aver un prodotto grande e di molteplici potenzialità, in grado di produrre ulteriore traffico, occorre deporre le uova. Occorre seminare, curare il terreno, e solo allora potremo raccogliere i frutti.

Per cui senza girarci troppo attorno, se volete spopolare sul web e se volete diventare famosi su Instagram, visto che su YouTube ora non fa più figo, dovrete iniziare a creare contenuti interessanti, divertenti, innovativi, e far capire a chi guarderà il vostro video o leggerà il vostro blog, che di voi ci si può fidare.

Tuttavia, sul web siamo tantissimi. Eppure ancora mezzo pianeta non ha un accesso a internet.

E così come l'accesso a internet e la banda larga hanno preso piede nelle case di tantissimi esseri umani, anche tantissimi contenuti hanno iniziato a far parte di Youtube, Instagram e Facebook.

Il risultato finale è una marea di gente che URLA IL PROPRIO NOME.

Succede un po' come quando nel presentarvi con una persona, gli stringete la mano, e talmente siete impegnati nel dire il vostro nome, non fate minimamente caso a quello della persona di fronte a voi.

Sui social network accade questo. Tutti i giorni. Ogni istante.

  • Scriviamo post su Facebook solo per farli leggere agli altri, ma di quello che scrivono gli altri non ci interessa nulla. Probabilmente neppure dei commenti. L'importante è che ci lascino un commentino e condividano il post perché così Facebook lo fa girare di più!
  • Con le foto su Instagram inseriamo gli hashtag più in voga del momento. Tutti, non ne dimentichiamo uno. Così come hanno fatto altri 18milioni di utenti che in questo stesso istante stanno facendo la stessa cosa.

E in tutto questo, non riusciamo ancora a capire perché non raccimoliamo che una dozzina di like?

Sul web non vince chi cel'ha più grosso. Su internet gridare non serve a nulla.

Vince chi sa dosare la voce, e parlare più a lungo in modo convincente.

Per riuscire sul web, smettila di gridare e inizia a parlare con chi ha voglia di fare altrettanto con te.

  • Impara a collaborare, parla degli altri anziché di te stesso, e chiedi agli altri se vogliono fare altrettanto.
  • Cerca di risultare interessante a chi non ti conosce, ma soprattutto non annoiare chi ti conosce e che sarà il tuo primo follower.
  • Chiediti sempre: se io fossi gli altri, guarderei il mio canale? Faresti MI PIACE sul tuo canale?

Inizia con questi passaggi, rimettiti in gioco e SMETTILA DI URLARE.